Best Practice

Super e Iper Ammortamento tra vecchio e nuovo

- di Donatella Citarelli
La Legge di Bilancio 2018 ha prorogato per il 2018 sia l'agevolazione del super ammortamento, sia quella dell'iper ammortamento, ossia quelle misure che permettono alle imprese e agli esercenti arti e professioni di portare in deduzione una quota di ammortamento maggiorata in relazione all'acquisto di beni strumentali nuovi.

Ma cos’è il super ammortamento?

Il super ammortamento è stato introdotto con la Legge di Stabilità 2016 al fine di incentivare l'investimento nell'apparato produttivo delle imprese e degli esercenti arti e professioni, attraverso una maggiorazione (solo fiscale e non civilistica), della quota di ammortamento del cespite del 40%, quindi per un totale del 140% anziché del 100%, facilitando il processo di ammortamento fiscale dei beni materiali nuovi acquistati tra il 15/10/2015 ed il 31/12/2016 (rileva la data di consegna o spedizione).

Tra tali beni rientravano anche le autovetture per le quali è prevista la deduzione limitata al 20%, elevata all'80% per gli agenti e rappresentanti di commercio (come da circolare dell'Ade n. 23E), autocaravan, motocicli e ciclomotori.
Proroghe agevolazione e restrizioni

Proroghe agevolazione e restrizioni

Tale agevolazione è stata poi prorogata dalla Legge di Bilancio 2017, stabilendo la maggiorazione delle quote di ammortamento anche agli investimenti in beni materiali strumentali nuovi effettuati entro il 31/12/2017, oppure entro il 30/06/2018, a condizione che entro il 31/12/2017 il relativo ordine fosse accettato dal venditore e fosse stato pagato un acconto di almeno il 20% del costo di acquisto.

Ma già dal 2017 si devono fare i conti con un ridimensionamento dell'agevolazione, in quanto dalla stessa ne risultano esclusi gli acquisti di auto ad uso promiscuo o utilizzate dai dipendenti di cui all'art. 164, comma 1 lett. b e b-bis del Tuir.

Il super ammortamento, con la Legge di Bilancio 2018, viene ulteriormente ristretto in quanto, per gli acquisti effettuati entro il 31/12/2018, ovvero entro il 30/06/2019, se entro il 31/12/2018 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisto, la percentuale di maggiorazione non è più del 40% ma del 30%.

Inoltre, sono esclusi dall'agevolazione i veicoli ed i mezzi di trasporto di cui al comma 1 dell'art. 164 del Tuir. Rimarrebbero agevolabili gli autocarri, in quanto categorie di veicoli non contemplati nel predetto art. 164 del Tuir.

Quindi per poter beneficiare del super ammortamento al 140% per tutte le categorie di veicoli si doveva perfezionare l'acquisto entro il 31/12/2016, mentre per le auto legate al core business aziendale e i veicoli impiegati ad uso pubblico si aveva un lasso di tempo più lungo fino al 31/12/2017. Dal 2018 e fino al 31/12/2018, potranno beneficiare dell'agevolazione al 130% solo i veicoli non rientranti nell'art. 164 del Tuir su citato come ad esempio autobus, autocarri, trattori stradali e mezzi d'opera utilizzati nell'attività edilizia.

L’iper ammortamento - Maggiorazione per beni in chiave Industry 4.0

La Legge di Bilancio 2017 ha introdotto, a favore dei soli titolari di reddito d'impresa, l'iper ammortamento, consistente in una maggiorazione (sempre solo fiscale) del 150% del costo di acquisizione relativamente ad investimenti effettuati in beni rientranti nell'allegato A della citata Legge (beni ad elevatissima tecnologia, interconnessi al sistema aziendale di gestione della produzione e alla rete di fornitura, in chiave industria 4.0).

Il beneficio spettava agli investimenti effettuati dal 1° gennaio 2017 e fino al 31/12/2017 ovvero 30/09/2018 a condizione che entro il 31/12/2017 il relativo ordine fosse accettato dal venditore e fosse avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisto.

La Legge di Bilancio 2018 ha prorogato l'agevolazione, per l’acquisizione degli stessi beni di cui all'allegato A della Legge di Bilancio 2017, effettuata dal 1°gennaio 2018 ed il 31/12/2018, ovvero 30/09/2019, a condizione che entro il 31/12/2018 il relativo ordine risultasse acquistato dal venditore e fosse avvenuto il pagamento di acconti nella misura di almeno il 20% del costo di acquisizione.

Il nodo cruciale, l’interconnessione tra bene e sistemi interni

Il nodo cruciale di questa agevolazione risiede nel concetto di interconnessione cioè di quello scambio di informazioni tra il bene ed i sistemi interni (ad esempio il sistema gestionale e di pianificazione) e/o esterni (ad esempio clienti, fornitori ecc.), per mezzo di un collegamento basato su specifiche documentate, pubbliche e riconosciute internazionalmente (ad esempio HTTP, TCP ecc.), e che sia identificato univocamente, mediante l'utilizzo di standard internazionalmente riconosciuti (ad esempio indirizzo IP).

Inoltre, l'interconnessione è alla base della fruizione dell'agevolazione in quanto, se il bene è stato acquistato ed è entrato in funzione in un certo periodo d'imposta, ma l'interconnessione avviene nel periodo successivo, si potrà usufruire dell'iper ammortamento solo nell'anno in cui è avvenuta l'interconnessione, potendo invece usufruire per l'anno precedente del super ammortamento.

Quindi è possibile usufruire in maniera temporanea del super ammortamento nel periodo di entrata in funzione del bene e successivamente dell'iper ammortamento nell'esercizio in cui si realizza l'interconnessione.

Il momento in cui si verifica l'interconnessione è dunque cruciale, perché è da questo momento (e non dall'entrata in funzione del bene) che sarà possibile usufruire dell'agevolazione.

Da quanto sopra esposto, dunque, come per tutto il discorso Industria 4.0, anche per l’iper ammortamento non basta solamente il mero e isolato acquisto di beni ad elevatissima tecnologia, ma occorre rispettare, oltre diversi requisiti tecnici, anche quelli in qualche modo definibili “processuali”!
Aggiungi un commento
RadEditor - HTML WYSIWYG Editor. MS Word-like content editing experience thanks to a rich set of formatting tools, dropdowns, dialogs, system modules and built-in spell-check.
RadEditor's components - toolbar, content area, modes and modules
   
Toolbar's wrapper  
Content area wrapper
RadEditor's bottom area: Design, Html and Preview modes, Statistics module and resize handle.
It contains RadEditor's Modes/views (HTML, Design and Preview), Statistics and Resizer
Editor Mode buttonsStatistics moduleEditor resizer
 
 
RadEditor's Modules - special tools used to provide extra information such as Tag Inspector, Real Time HTML Viewer, Tag Properties and other.
   
Antispam
 

Scarica l'app Noleggia 1 Manager
Effettua il download per il tuo smartphone
Anche questi imprenditori avevano bisogno delle stesse risposte e le hanno avute:
Best Practice
 Diritto all'oblìo
X
Responsabile Privacy – DPO Marco Travaglini,
nato a Rieti il 14.10.1977, residente in Roma, via Cutilia 47
Per informazioni e richieste privacy:
Tel  +39 06 92 95 90 88
Mail info@mamaindustry.com
Copyright 2017 ® - MAMA Industry P.IVA 14080391007
Designed by MamaIndustry - Powered by Giap Informatica